Mostra “un passo dopo l’altro il cammino dell’integrazione”

per sapere dove è la mostra oggi e visualizzare il calendario delle prenotazioni

calendario mostra 12 13

Dalla separazione all’inclusione nelle istituzioni scolastiche bresciane  immagine pannelli a san barnaba

Valore etico dell’integrazione scolastica. Nuove emarginazioni  Lectio Magistralis di Monsignor Giovanni Nervo tenuta presso l’auditorium  San Barnaba di Brescia il 13 aprile 2011   per l’inaugurazione della mostra

 Locandina mostra 2011

 Presentazione

“Ma cosa ci fanno qui? …Non starebbero meglio in scuole per loro?…”

Sono domande, riferite agli alunni con disabilità, che talvolta si ascoltano, domande che semplificano e testimoniano la non conoscenza di un lungo percorso storico, pedagogico, sociale che nel nostro paese ha rotto i muri della separazione permettendo il processo di integrazione delle persone con disabilità nella scuola di tutti.

Il GLIP di Brescia, Gruppo di lavoro interistituzionale provinciale per l’integrazione scolastica, ha voluto dedicare a questo faticoso processo di umanizzazione e civilizzazione la Settimana delle Buone Pratiche 2011, raccogliendo e restituendo con una mostra e una pubblicazione, documenti e testimonianze sul momento storico dell’ingresso dei ragazzi con disabilità nella scuola comune nella nostra provincia.

La Mostra è stata presentata alla cittadinanza nella sala S. Barnaba a Brescia il 14 aprile 2011 alla presenza delle autorità cittadine e con una Lectio magistralis di Monsignor Giovanni Nervo, fondatore della Caritas Italiana sul tema: “Il valore etico dell’integrazione scolastica”.

Il percorso espositivo, composto di 30 pannelli, si articola in due sezioni: una prima in cui si illustrano pregiudizi e stereotipi culturali, che per lungo tempo hanno impedito alle persone con disabilità l’esercizio dei diritti e doveri di cittadinanza, una seconda centrata  sull’aspetto pedagogico ed educativo, in cui si descrive il processo che, a partire dalla seconda metà del 1700, ha permesso di giungere alla situazione attuale.

Una congrua parte dei pannelli di questo secondo settore è dedicata alle istituzioni scolastiche bresciane che ospitavano gli alunni con disabilità prima della Legge 118 del 1970; nell’ultima sezione si mette a fuoco il momento del passaggio dalle scuole speciali alla scuola normale, evidenziando quanto fatto nella nostra provincia per rendere attuative le coraggiose norme deliberate dal parlamento italiano negli anni ’70 e fino alla Legge 104 del 1992 e ai più recenti documenti degli organismi internazionali (OMS e ONU) sulla disabilità e l’inclusione..

La struttura, i criteri di elaborazione e il linguaggio adottati nella Mostra la rendono adatta, oltre che ad un pubblico adulto, a studenti del secondo ciclo e dell’università;  con le opportune mediazioni didattiche i materiali possono costituire spunti interessanti di lavoro anche per gli alunni del primo ciclo.

La mostra è adatta per essere esposta in: scuole, sale civiche, biblioteche, sedi di associazioni, sale per conferenze

Prenotazione

I 30 pannelli misurano ciascuno cm. 80 x 200, sono facilmente montabili e trasportabili.

 La mostra è a disposizione di tutti a titolo gratuito; trasporto, montaggio e smontaggio sono a carico degli enti richiedenti. Su richiesta, è possibile fruire di una visita guidata, sempre a titolo gratuito, salvo un rimborso spese se necessario.

Sia la Mostra che la pubblicazione “Il passaggio dalle scuole speciali alla scuola di tutti: racconti e testimonianze” possono essere richiesti  al

CTRH di Brescia